La Psicometria e i Poteri della mente

curate-con-la-mente-400x300

La psicometria e i poteri della mente.

La psicometria è una delle tante facoltà che la nostra mente possiede e che ancora non riusciamo a comprendre totalmente anche dopo anni di sperimentazioni e ricerche da parte della odierna e accreditata scienza.
Un alone di mistero le avvolge tutte quante queste nostre inutilizzate facoltà ( la veggenza, la psicocinesi, la medianità, ecc.. ) anche se ( per fortuna ) oggi vengono viste in un modo totalmente diverso rispetto al passato, in un modo decisamente più serio di quando erano considerate solo al pari di meri prodigi. Se ci si interessa a questi argomenti si scopre che in fondo non sappiamo nulla di noi stessi, di ciò che siamo e siamo veramente in grado di fare. Sono facoltà queste ( o possibilità come amava definirle il grande Gustavo Rol ) che ogni uomo possiede e ancora sfuggono alla nostra totale comprensione.
Ma a cosa ci si riferisce nello specifico quando si parla di psicometria?
La psicometria viene definita, dai ricercatori del cosiddetto paranormale, come la capacità di leggere negli oggetti la memoria del passato, sia esso il passato di una singola persona o di più persone coinvolte in uno stesso evento spesso traumatico. Prendendo tra le mani e toccando un oggetto appartenuto ad una persona anche defunta risulta possibile, se la nostra sensibilità è assai forte, percepire lontani pensieri e ricostruire i fatti della vita di coloro che con quell’oggetto hanno avuto a che fare.
Ciò può avvenire in quanto ogni cosa che vediamo e che esiste a questo mondo infatti ( sia essa umana, vegetale, animale, minerale, ecc.. ) possiede la capacità di “respirare” e cioè trattenere ed emanare energia ed onde che possono essere paragonate a quelle di una radio e tutto si comporta quindi al pari di una radio rice-trasmittente.
E’ per questo motivo che in magia ci si affida spesso alle pietre durante lo svolgimento di un rituale. Le pietre infatti, che nascono nel ventre della terra, possiedono energia da vendere e possono rilasciarla a nostro favore e a favore di qualsiasi altro essere vivente quando vengono toccate o portate su di noi.
Tutti siamo in grado di assorbire percepire e assimilare le energie esterne oltre che rilasciare le nostre captabili da altri oltre che “vedere” e “leggere” le informazioni contenute nelle cose che sono si inanimate ma pur sempre vive. Però non solo gli oggetti possono rimandare a noi dell’energia o la memoria in essi trattenuta, anche le mura di una casa o di un qualsiasi edificio possono assorbire le onde dei pensieri umani, trattenerle e rimandarle all’infinito verso coloro che sono in grado di percepirle anche sotto forma di immagini vere e proprie. E’ per questo motivo che a volte ci può capitare di provare un disagio entrando in un luogo sconosciuto. Se un tempo tra quelle mura si sono verificati dei fatti traumatici questi restano impressi nella pietra e nel cemento delll’abitazione come se questa fosse fatta di spugna. E anche l’aria circostante, quella che noi definiamo ” il vuoto” ma che vuoto non è possiede la stessa facoltà. Anche gli scienziati oltre agli esoterici affermano che il vuoto non esiste, nella materia ogni spazio è in effetti pieno in ogni sua parte. Se in uno spazio aperto si sono quindi verificati degli eventi luttuosi, come ad esempio dei remoti fatti di sangue; in quella porzione di spazio le emozioni e le sensazioni provate dai protagonisti vi restano impresse proprio come avviene all’immagine che si imprime su una lastra fotografica al momento dello scatto di una fotografia. Ciò non si potrebbe verificare se veramente ciò che ci circonda fosse vuoto. In questo minimo spazio abbiamo solo fatto un breve accenno a questo argomento tanto grande quanto affascinante ma se in voi si è accesa la curiosità di approfondirlo vi ritroverete a viaggiare verso un mondo parallelo e reale che le menti troppo materiali e materialistiche trascurano. La nostra mente è da considerarsi come un mondo fantastico e affascinante che ci riserva sempre tante ricche sorprese.
Come ogni altra facoltà della nostra mente ( la telecinesi, la sensitività, la veggenza ecc.. ) anche questa della psicometria è possibile farla riaffiorare da dentro di noi in quanto tutti noi possediamo queste doti per natura e per nascita ma per il fatto che restano inutilizzate, privilegiando ad esse altri organi di senso limitati però alla sola e ristretta materia, si ritrovano ad essere atrofizzate avendo tolto loro la possibilità di esprimersi. Basta però un po di allenamento ( senza sforzare o affaticare la nostra mente facendoci prendere da involutive smanie di trasformazione che sarebbero controproducenti ) e la nostra mente si riappropria di ogni sua facoltà.
Questi fenomeni relativi alle immagini che si imprimono nell’aria vengono definiti “residui psichici” da chi studia il parnormale e le manifestazioni spiritiche e spesso questi ultimi vengono scambiati per vere e proprie apparizioni di fantasmi anche se a tutti gli effetti non lo sono.
Con queste presenze non si può in alcun modo interagire in quanto sono solo immagini ripetute e appese nell’aria. Generalmente gli esseri umani sono però solo capaci di limitarsi guardando sempre e solo “verso il basso”, ai fatti di ogni giorno, al denaro e alle cose prettamente effimere che ci siamo cuciti addosso come le uniche essenziali ma che anche queste, in fondo, potrebbero assumere caratteristiche diverse se solo facessimo andare a “pieni giri” la nostra mente cosi’ potente e illimitata, capace di andare oltre lo spazio, il tempo e la materia. Gli alchimisti indicavano questo processo di riappropriazione di tutte le nostre doti inutilizzate come ” al risveglio del Re dormiente in noi “. Le nostre nobili origini possono farci creare un personale “paradiso in terra” ed è in fondo questo il fine ultimo e lo scopo da raggiungere per chi studia la magia. Portare in equilibrio materia e spirito per una maggiore qualità della nostra breve vita terrena oltre che per una perfetta stabilità psicologica.
L’uomo non è solo fatto di carne. L’uomo è la fusione meravigliosa di spirito e carne. E in fondo è qui che risiede la magia, nella nostra mente e nelle sue illimitate facoltà. Ma questo gli esoterici, gli studiosi dell’antica arte e della filosofia ermetica già lo sanno che la magia non è solo realizzare nel concreto un nostro qualsiasi desiderio, in modo egoistico e fine a se stesso, in un modo puramente sterile ma, bensì, essa ci conduce al ritrovato possesso di tutte le nostre potenzialità per comprendere che alto e basso si possono fondere in una unica inscindibile cosa.

fonte: bethelux.it

Precedente Angeli Successivo I VAMPIRI